Bio

110 Views

Quando il destino ti chiude la porta in faccia,entra dalla finestra
(Anonimo)

carolina_ferrara_artista_artist_bw

Sono Carolina Ferrara, nata il 27 gennaio come Mozart!
Di mestiere dipingo, non amo le tele di grandi dimensioni e per lo più sono i ritratti ad affascinarmi: i personaggi, le loro storie, le loro emozioni, gli stati d'animo, la cattura di un momento.
Da una decina d'anni, oltre alle fiere di settore, partecipo a mostre collettive e personali in Italia e all'estero.

I am Carolina Ferrara, born on the 27th of January, like Mozart!
I paint full time, I don't love the large canvas and mostly I'm fascinated by the portraits:
The characters, their stories, the catch of a particular moment.
Since 2008 I participate to the sector fairs and to collective & personal exhibitions in Italy and in foreign countries

Je suis Carolina Ferrara, ne' le 27 Janvier, comme Mozart!
Je peins a' temps plein: Je n'aime pas les grandes toiles et surtout
me fascinent les portraits: les personnages, leurs histoires, la capture d'un moment.
Depuis 2008 je participe aux foires sectorielles et aux expositions
collectives et personelles en Italie et dans d'autres pays

Carolina Ferrara è nata a Vigevano (PV) dove ha vissuto fino al 1999 prima di trasferirsi a Pordenone, in Friuli.
Inizia a dipingere da bambina in compagnia della madre che le insegna le varie tecniche di pittura e continuerà a dipingere nei giorni liberi come hobby.

Ha lavorato per più di vent'anni come commerciale estero nell'industria del padre prima e in quella del marito successivamente.

Durante i numerosi viaggi di lavoro ha avuto possibilità di vedere gallerie e mostre, e di conoscere artisti di ogni nazionalità sentendosi affascinata da quel mondo sempre al bivio tra il lavoro e la pittura full-time.

carolina_ferrara_artista_ara bessnick_bw

Nel 2005, una serie di eventi, collegati alla sua vita privata, le offrono la spinta e la possibilità di frequentare corsi di disegno e di pittura fino ad arrivare a conoscere il Maestro Ara Bessnick di cui è rimasta tuttora allieva.

Ed è così che scopre definitivamente nella pittura la sua vocazione.
Gli anni successivi si connotano per una costante ricerca di perfezionamento della tecnica ad olio che viene interpretata con gusto del tutto personale.

La Ferrara predilige una pittura figurativa, nella quale le emozioni rappresentano l'elemento centrale di indagine, comunicando sensazioni di dolore e solitudine, ma anche di grande forza, dignità e amore per la vita.

 

110 Views